Comunicazioni

DISCLAIMER
EtruriaRe
opera con lo scopo di rendere il più possibile affidabili le informazioni contenute in questo sito web. I dati che riguardano le offerte di immobili vengono ricavati dalle informazioni rilasciate dai proprietari degli stessi, pertanto EtruriaRe, i suoi impiegati o agenti, non possono in nessun caso garantire o assumersi la responsabilità della loro esattezza e/o completezza.
EtruriaRe non ha nessuna influenza o responsabilità sulla forma e sui contenuti delle pagine internet alle quali si viene indirizzati dal proprio sito attraverso links esterni o su portali di annunci.

12/05/2015 MUTUI, CONTINUA IL MOMENTO POSITIVO: TASSI PIU' BASSI E DOMANDA RECORD
Mentre continua la lenta discesa del tasso medio di interesse applicato ai mutui, non si ferma la corsa delle domande di finanziamento da parte delle famiglie. Secondo il barometro Crif, il mese di marzo «ha fatto registrare un incremento impetuoso nel numero delle richieste di mutuo da parte delle famiglie italiane, con un eloquente +49,4% rispetto al corrispondente mese del 2014 (valore ponderato, a parità di giorni lavorativi) che per altro a sua volta si caratterizzava per un segno positivo». Si tratta del «record assoluto» da quando Crif ha iniziato a rilevare l'andamento delle richieste su base mensile. Secondo gli ultimi dati Bankitalia, intanto i tassi d'interesse sui mutui alle famiglie per l'acquisto di abitazioni a febbraio sono stati pari al 3,01% a fronte del 3,07% del mese precedente, quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo all'8,64% (8,71% a gennaio).

18/11/2014 AFFITTO ASSICURATO E GARANTITO
La morosità è la principale preoccupazione di un proprietario immobiliare. Per questo motivo l'agenzia EtruriaRe offre il servizio di “Garanzia per Affitti” grazie all'accordo con primaria compagnia assicurativa specializzata in locazioni residenziali e commerciali. La formula appositamente studiata offre una copertura completa, sicura e affidabile a tutela dei proprietari che comprende una garanzia per il puntale pagamento dei mancati canoni di locazione, una garanzia per il pagamento delle spese condominiali non versate, una garanzia per gli eventuali danni arrecati all’immobile e una polizza per il pagamento delle spese legali di sfratto. I vantaggi offerti da una garanzia affitti su misura sono riservati sia al proprietario, con la certezza della riscossione entro 30 giorni, in maniera semplice e veloce di quanto vantato nei confronti dell’inquilino ed il rimborso delle spese sostenute per i danni subiti dall'immobile, sia all'inquilino, liberato dall'onere del versamento della caparra e delle mensilità anticipate. www.affittoassicurato.com

06/11/2014 RISTRUTTURAZIONE CASA 50%-65% DETRAZIONI, AGEVOLAZIONI, BONUS, IVA 4%
La Legge stabilità 2014-2015 Governo Renzi ha ricevuto il via libera dall'Ue che, però, si riserva la possibilità di un nuovo giudizio per il mese di novembre e prevede misure volte, come aveva del resto già annunciato il premier Renzi, al rilancio di consumi ed economia, anche se si tratta di una prospettiva che verrà messa fortemente in crisi se dovesse davvero essere approvato l'aumento dell'Iva, che porterebbe a rialzi generalizzati dei prezzi, compreso gas ed energia elettrica. Probabile anche un aumento sulle accise.
Se la Legge di Stabilità conferma gli eco bonus da 50 e 65% per i lavori volti alla ristrutturazione edilizia e all'efficienza energetica, nonchè per il bonus mobili, salta con lo Sblocca Italia, che ha ricevuto proprio qualche giorno fa l'ok dal CdM, ha cancellato la deduzione del 20% previsto per chi avesse acquistato una casa da affittare; inoltre, niente Iva al 4% sugli interventi di recupero edilizio. La proposta prevedeva una riduzione dell’Iva dal 10 al 4%.
Tornando agli eco bonus casa, la Legge di Stabilità proroga il bonus del 65% e del 55% per le ristrutturazioni edilizie. Le due agevolazioni avranno una durata triennale ma dovrebbero gradualmente ridursi a partire dal 2016. E si vorrebbe, inoltre, pensare ad una revisione della nuova Tasi, con un possibile ritorno delle detrazioni fisse per i figli (50 euro) per la nuova tassa unica sulla casa, che unirà Tasi, Imu e Tari.

03/11/2014 BONUS CASA: PREVISTO DALLO SBLOCCA ITALIA UN CONTRIBUTO DEL 20% PER COMPRA PER AFFITTARE!
L’agevolazione fiscale è prevista nello Sblocca Italia e prevede uno sconto del 20% sul prezzo di acquisto dell’immobile, risultante nel contratto di compravendita.
Il limite massimo di spesa è però fissato in trecento mila euro e il benefit sarà fruibile, salvo esaurimento delle coperture, fino al 31 dicembre 2017 per tutti coloro che hanno acquistato casa a partire dal 1 gennaio 2014.
La deduzione fiscale verrà ripartita in otto quote annuali di egual importo, che partiranno nel primo periodo d’imposta dopo la stipula del contratto, e non sarà cumulabile con altre agevolazioni fiscali. Il bonus è previsto per immobili di nuova costruzione ma sarà valido anche per case oggetto di interventi di ristrutturazione, purché acquistate da imprese di costruzione o da cooperative edilizie.
Il bonus è rivolto a privati cittadini e ad associazioni prive di scopo di lucro e l’immobile dovrà appartenere a categorie catastali A/1, A/8 o A/9, non può essere edificato in aree di valore storico, artistico o ambientale. Infine è poi necessario che l’immobile rientri nelle classi energetiche A o B. Per poter godere dell’agevolazione è infine requisito primario che chi acquista ceda l’immobile per almeno 8 anni continuativi a canone concordato. Se per qualche motivo il contratto di locazione dovesse venir meno sarebbe necessario provvedere con una nuova stipula che non sia con familiari di primo grado.

31/10/2014 BONUS MOBILI PROROGATO PER IL 2015
Accolto l’unanime invito della Filiera: il testo della Legge di Stabilità 2015 varato dal Governo, proroga al 31 dicembre 2015 la detrazione del 50% sugli acquisti di mobili ed elettrodomestici legati ad interventi di ristrutturazione edilizia.Il testo della Legge di Stabilità 2015 varato dal Governo, proroga al 31 dicembre 2015 la detrazione del 50% sugli acquisti di mobili ed elettrodomestici legati ad interventi di ristrutturazione edilizia.

25/09/2014 RENT TO BUY.
Con l'art. 23 del Decreto Legge n. 133, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 12/09/2014, il Governo ha messo mano al delicato ed attuale tema dell'affitto a riscatto, il cosiddetto rent to buy.
Lo schema contrattuale dell'affitto a riscatto prevede la concessione in godimento di un immobile dando all'utilizzatore il diritto di acquistarlo ad una determinata cifra ed entro un termine prestabilito, imputando in conto prezzo una parte o l'intero ammontare dei canoni versati.
Queste forme atipiche di contratto, di cui si è molto parlato nell'ultimo quinquennio, affrontano e tentano di risolvere il problema ormai annoso della carenza di liquidità, strettamente correlata alle crescenti difficoltà di accesso al credito; in questo modo, il proprietario accetta di "sostituirsi" alla banca percependo una parte del prezzo a rate e mantenendo a garanzia, fino al versamento del saldo dovuto, la titolarità del bene.
Di contro, il soggetto interessato all'acquisto può usufruire fin da subito dell'immobile per un periodo di tempo concordato, accettando di acquistare automaticamente l'immobile (affitto a riscatto) o esercitando su di esso un'opzione (locazione con opzione di acquisto) ad una cifra precedentemente pattuita.

05/08/2014 IL NUOVO OBBIETTIVO E' COMPRARE!  SOPRATTUTTO SE E' LA PRIMA CASA.
A dirlo non sono i broker di Wall Street ma gli agenti immobiliari della provincia di Arezzo. Con il mercato ancora fermo da un lato, ma soprattutto con le banche che hanno riaperto i rubinetti dall’altro, chi ha intenzione di acquistare la prima casa ora può mettere a segno un vero affare. “Il valore immobiliare ad Arezzo è arrivato ai minimi storici e ora può solo risalire. Quindi chi ha in mente di andare ad abitare fuori dalla casa di origine, penso alle giovani coppie, dovrebbe valutare l’opzione dell’acquisto anziché quella della locazione”, dice il presidente degli agenti Fimaa Confcommercio Roberto Torzini. Tanti i vantaggi: imposta di registro ridotta dal 3 al 2%, imposta ipotecaria e catastale passata da 168 a sole 50 euro, mutui in banca a tassi intorno al 2,25 – 2,75%. In più, niente Imu e Tasi irrilevante. “Senza contare che il Governo ha confermato le agevolazioni per chi fa migliorie agli immobili"

20/05/2014 VIA AL PIANO CASA: LA CEDOLARE SECCA SCENDE AL 10%
Si abbassa ancora la cedolare secca, l’imposta pagata dal proprietario sugli affitti percepiti nel periodo 2014-2017. Coloro che concedono in locazione (a privati, non ad aziende) un appartamento a canone concordato e sito in un comune ad alta tensione abitativa o colpito da calamità naturali, avranno la possibilità di optare per un’imposta fissa, slegata dal calcolo Irpef del 10% (in origine era il 21%, poi abbassata una prima volta al 15%). Inoltre non pagherà imposte di registro e bollo ma dovrà rinunciare agli aggiornamenti Istat del canone.

20/05/2014 BONUS MOBILI
Dopo un lungo tira e molla, nel corso dell’iter parlamentare è stata ripristinata la versione originaria del testo relativo all’utilizzo del bonus del 55% su mobili ed elettrodomestici. In particolare il Senato ha soppresso la norma in base alla quale le spese per acquisto di mobili ed elettrodomestici (ad alta efficienza energetica) oltre ad avere un tetto massimo di 10 mila euro non potevano essere superiori a quelle sostenute per i lavori di ristrutturazione.

25/09/2013 NUOVO REGIME FISCALE
l’art. 26 del D.L. va a modificare il comma 3 dell’art. 10 del D.Lgs. 23/2011, che riforma la tassazione immobiliare con effetto che dal 1° gennaio 2014 le imposte relative al trasferimento di immobili verranno modificate con l’obiettivo di diminuire il carico fiscale sulle compravendita tra privati di immobili destinati all’utilizzo come prima casa. Vi riporto schematicamente il quadro che fiscale che potrebbe aversi: a) nel caso in cui oggetto dell'acquisto sia la prima casa l'atto di compravendita è soggetto alle seguenti imposte fino al 31 dicembre 2013 quando il venditore è un privato: - imposta di registro del 3% (2% a partire dal 1° gennaio 2014) - imposta ipotecaria fissa di 168 euro (50 euro a partire dal 1° gennaio 2014) - mposta catastale fissa di 168 euro (50 euro a partire dal 1° gennaio 2014) - nel caso l’immobile sia immobile di lusso l’imposta di registro ha un valore del 7% sul valore dell’immobile fino al 31 dicembre 2013, per poi passare al 9% dal 1° gennaio 2014.